...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Lillo Alaimo

«Il moralismo non c’entra. Qui c’entra la politica e la democrazia. C’entrano le istituzioni. Perché le minacce e i ricatti sono strettamente legati a squisite scelte politiche. Bilanci, nomine, appalti.
Altro tasto dolente al perpetuo conflitto d’interessi vissuto dalla famiglia-partito Bignasca. Vissuto da un movimento nato per combattere, a parole, il lobbismo delle “famiglie” locali.

Forse così è stato all’inizio. Ora dietro Bignasca, il suo giornale e il movimento si nascondono ipocriti e ipocrisia. Quella di chi ha vendette da consumare e lo fa celandosi dietro il volto e la firma del leader politico più denunciato al mondo. Un vanto per il cantone questo recordman!»

Lillo Alaimo, il Caffè, 27 novembre 2011