...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

I bambini spariti a Calais...- 09 settembre 2016

Franca Cleis, Ligornetto (La Regione, 09 settembre 2016)

Francia: sono più di 100 i minori scomparsi nel nulla da quando le gru hanno abbattuto le baracche del lato sud della giungla di Calais, una delle più grandi baraccopoli d’Europa. A dare l’allarme è stata, alcune settimane fa, l’associazione ‘Help Refugees’ che si occupa di seguire i rifugiati accampati nel campo francese, in attesa di attraversare la Manica. Secondo la Ong, nel corso degli sgomberi dello scorso marzo, sarebbero scomparsi nel nulla 129 bambini/e e adolescenti non accompagnati. E altre, altri potrebbero sparire ancora nel silenzio più completo, considerato che fino ad oggi, non esiste alcun sistema di registrazione che certifichi la presenza di minori soli in Europa.

‘Nel corso degli sfratti, non è stata fornita nessuna sistemazione alternativa per i minori non accompagnati e non è stato messo a punto nessun sistema per monitorarli o tutelarli.’ E il problema non riguarda solo le scomparse. Secondo il rapporto Unicef ‘Né sano né salvo’, molti ragazzini e ragazzine sono a rischio di abusi sessuali, violenze e sfruttamento. Unicef sostiene che ogni anno arrivino in Europa quasi 100mila minori soli (12mila in Italia nel 2015, 7mila solo nei primi sei mesi di quest’anno), provenienti soprattutto da Afghanistan e Siria. Di loro, in un caso su dieci, si perdono completamente le tracce. Europol stima che ogni anno, manchino all’appello 10mila minorenni non accompagnati/e. Molti di loro si dirigono verso il nulla e nelle grinfie della criminalità!

Svizzera: venendo ai casi che sorgono ora alle porte di casa nostra, a me viene molto ingenuamente da pensare: ma la Croce Rossa non può assumersi il compito di aiutare/sostenere almeno le/i minorenni soli? E i villaggi Sos svizzeri non possono prendere iniziative almeno per le/i più disagiati? Non hanno tra i loro scopi la protezione dell’infanzia costretta a fuggire dai Paesi martoriati dalle guerre? Se questi esseri umani non sono nemmeno registrati come persone viventi, a quali leggi dovrebbero sottostare? A quelle del Paese dei Poveri Morti?

Grazie Lisa!