...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Gobbi usa i tuoi soldi, non i nostri - 15 maggio 2016

di Corrado Mordasini

Scrive su FB un leghista che lasciamo, per pietà sua, anonimo:

“Grazie Norman! (pollicione) io sarò sempre disponibile per il bene della nostra patria a livello istituzionale, per le cose che contano. (faccina che sorride, pollicione, braccetto col muscolo)”

Ma perché questo signore ringrazia Gobbi? Semplice, Gobbi ha mandato a lui e a tutti quelli che si sono impegnati per la Lega una bella letterina, ringraziandoli di essersi messi a disposizione per la Lega dei Ticinesi: o nelle liste come candidati o per aiutare durante la campagna elettorale delle comunali. Lettere così infatti ne sono state recapitate parecchie. Poi ci sono orgogliosi e ingenui capponi che, tutti fieri, le pubblicano in Facebook.

“Con questo messaggio, in qualità di Consigliere di Stato e di direttore del Dipartimento delle istituzioni, desidero ringraziarti sentitamente per aver messo a disposizione il tuo tempo e le tue energie in favore della collettività nelle fila della Lega dei Ticinesi nel corso delle elezioni comunali (…) Le sfide future sono infatti ancora molte e sono sicuro che la tua presenza sarà determinante per proseguire sulla strada segnata. Una strada che avrà sempre quale obiettivo centrale quella di trovare delle soluzioni concrete alle preoccupazioni dei cittadini.”

Abbiamo saltato la parte centrale per non tediare il lettore, trovate comunque allegata la lettere in toto.

Grazie Norman che ti preoccupi dei cittadini. Infatti, noi, siamo preoccupati del fatto che tu occupi il tuo tempo e le tue energie, nonché il materiale dello Stato, che è di tutti i cittadini e non solo dei leghisti.

Non sfugge nemmeno alle acute menti leghiste, che Norman usa la carta intestata del governo e di conseguenza anche buste e affrancatura , tutto a carico dello stato, per lisciare il pelo ai suoi cuccioli. Bravo Norman, comincia, come fanno gli altri, a usare TUA carta da lettere, TUE buste e TUOI francobolli, per inviare le centinaia di missive che ringraziano i tuoi tirapiedi.

Immaginatevi il Mattino se l’avesse fatto Bertoli.