...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Gianola accetta la condanna - 20 aprile 2016

Bissone, Gianola accetta la condanna per diffamazione sul ‘Mattino’

G.G. (La Regione del 20 aprile 2016)

Era atteso ieri in tribunale, ma alla vigilia del processo ha inviato al giudice della Pretura penale la decisione di ritirare il suo ricorso, accettando la condanna per diffamazione. Si macchia così in modo definitivo – ricorsi non ne sono più possibili – la fedina penale di Giorgio Gianola, 83 anni, già sindaco di Bissone ed eletto dieci giorni fa in Consiglio comunale per la coalizione Lega-Udc-Indipendenti. Il reato di ripetuta diffamazione riguarda un articolo (a pagamento) pubblicato il 20 gennaio 2013 sul ‘Mattino della domenica’ dal titolo, ‘Bissone: si aprano gli armadietti e... fuori gli scheletri’, firmato ‘Nuova Bissone’ e dal contenuto diffamatorio nei confronti dei consiglieri comunali socialisti, Roger Bacciarini e Ugo Ballinari. La condanna è quella decisa dalla pp Marisa Alfier: pena pecuniaria di 50 aliquote giornaliere per un totale di 4’000 franchi, sospesa con la condizionale. La Legge organica comunale non vieta al condannato Gianola di sedere in Consiglio comunale, anche l’ex sindaco e fondatore della Nuova Bissone, Ludwig Grosa, la scorsa legislatura fece lo stesso.