...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Bombe del PS su Gobbi - 8 dicembre 2015

La partita si scalda, bombe del PS su Gobbi e sulla Lega: "È ineleggibile e rappresenta un partito razzista". E i socialisti ticinesi rincarano la dose

La frazione socialista a Berna stronca la candidatura del ministro ticinese ("Nessuno di noi lo voterà: è leghista") e lascia aperta la porta agli altri due candidati. Il PS ticinese esulta: "Molto soddisfatti: Gobbi non ci rappresenta!"

 

BERNA - "Norman Gobbi è ineleggibile: nessuno del nostro gruppo lo voterà". Il PS si scaglia contro il candidato ticinese al Consiglio Federali, bocciandolo su tutta la linea. I socialisti hanno comunicato la loro decisione questa sera nel corso di una conferenza stampa dopo le audizioni dei tre candidati UDC al Governo e la discussione all'interno del gruppo.

Parole chiarissime da parte del capogruppo Roger Nordmann: "Quel che è certo è che nessuno nel nostro gruppo voterà per Norman Gobbi poiché il suo partito d'appartenenza, la Lega, denigra le istituzioni, l'avversario politico ed è razzista". Secco anche il commento del presidente Christian Levrat: "Gobbi è ineleggibile. Il rappresentante di un partito che diffama chiunque abbia un’opinione differente, che sfotte la Confederazione e che è apertamente xenofobo non ha nulla a che fare con un ruolo di governo".

I socialisti non hanno invece chiuso le porte alle candidature di Aeschi e Parmelin: domattina alle 7.15 il gruppo si riunirà di nuovo per valutare la situazione.

E a stretto giro di posta è giunto anche un comunicato da parte del PS ticinese: "Noi - si legge nella nota - lo diciamo da settimane, ormai, ossia da quando è stato candidato ufficialmente: Norman Gobbi è inadatto all’incarico di consigliere federale. Oggi arriva la conferma del Partito Socialista Svizzero, che ha incontrato i tre candidati dell’UDC e ha concluso che no, Gobbi proprio no. Siamo molto soddisfatti che i compagni e le compagne svizzero-tedeschi e romandi siano giunti alla nostra conclusione.

"Non che gli altri due - prosegue il comunicato - siano meglio: “un degno erede di Blocher e un rappresentante del mondo contadino che, pur essendo rimasto 12 anni sotto la cupola di palazzo federale, non lascia un ricordo indelebile”. così scrive il PSS. E aggiunge: “L’UDC non ha niente di meglio da offrire?”. Eppure, nonostante la pochezza degli altri due, il candidato ticinese si è rivelato comunque il peggiore". Ora possiamo solo sperare che, al momento del voto, i membri delle due Camere ne tengano conto e votino di conseguenza. Perché Gobbi, anche come ticinesi, non ci rappresenta".