...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

20 anni di impegno contro il razzismo - 20 giugno 2015

Berna, 04.06.2015 - La Commissione federale contro il razzismo CFR pubblica un numero di TANGRAM dedicato al suo ventennale. 20 anni fa, il popolo svizzero diceva sì alla norma penale contro la discriminazione razziale e il nostro Paese aderiva alla Convenzione internazionale sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale. Contemporaneamente il Consiglio federale istituiva la Commissione federale contro il razzismo.

Da 20 anni il concetto di razzismo non è più un tabù nei dibattiti sulla convivenza civile in Svizzera. Dalla sua istituzione la CFR contribuisce con interventi critici all'approfondimento e alla differenziazione del tema permettendo così ad altri partner di sviluppare costantemente il loro
lavoro di sensibilizzazione e prevenzione.

L'introduzione della norma penale contro la discriminazione razziale nella legislazione nazionale ha rappresentato una pietra miliare per la lotta al razzismo, ma la protezione delle minoranze è una sfida ancora aperta. I diritti umani valgono per tutti senza riserve, ma i singoli se ne ricordano soltanto quando si sentono minacciati in prima persona. La norma penale può essere un deterrente efficace contro determinate attività politiche, ma è spesso insufficiente contro il razzismo quotidiano, per esempio sul mercato del lavoro o degli alloggi. Sono dunque indispensabili un vasto e continuo lavoro di sensibilizzazione e l'affinamento degli strumenti di diritto civile.

Il prossimo 25 giugno 2015 la CFR lancerà in presenza del consigliere federale Alain Berset la campagna «Svizzera variopinta». La campagna mira a promuovere la consapevolezza del problema del razzismo e della protezione dalla discriminazione in Internet e si rivolge in particolare ai giovani e agli ambienti interessati. Grazie alla loro dimestichezza con le nuove tecnologie, i giovani sono chiamati ad essere gli apripista di una convivenza priva di discriminazioni in una Svizzera culturalmente, etnicamente e religiosamente eterogenea.