...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Le volgarità di un municipale e la benevolenza dell'esecutivo - 4 aprile 2015

Giancarlo Nava, IaS Mendrisio

Corriere del Ticino (4 aprile 2015)

L’interpellanza presentata dal gruppo di Insieme a Sinistra e da alcuni consiglieri PLR e PPD aveva lo scopo di far chiarezza e di permettere al Municipio di pronunciare parole chiare sui valori della nostra democrazia e delle nostre istituzioni.

Di fronte a certe volgarità che ricordano tristi momenti della storia europea il silenzio sarebbe stato intollerabile. Le parole del sindaco Croci a nome del Municipio ci hanno invece profondamente delusi ed amareggiati. Robbiani qualche mese fa aveva insultato pesantemente su Facebook un ex procuratore pubblico e avvocato; convocato in Pretura e diffidato si era scusato, evitando una sacrosanta denuncia penale. In quell’occasione aveva promesso di non ripetere atti simili. In seguito aveva offeso pesantemente i mussulmani postando su Facebook i famosi sacchi della spazzatura e sull’argomento é ancora pendente una denuncia. Aveva poi fatto a pezzi i fogli dell’imposta federale manifestando il proprio disprezzo verso le istituzioni. Bella lezione di civica per i nostri giovani! Ne ha fatte tante altre senza clamore mediatico perchè in alcuni casi si é taciuto con tanta benevolenza nei suoi confronti (insulti vari su Facebook). E ultimamente l’affare Micocci... È tollerabile tutto ciò da parte di un municipale e granconsigliere?

La risposta del sindaco é stata di un vuoto pauroso, al limite della provocazione.

«Nessun provvedimento da parte del Municipio», e quindi nessuna parola di condanna politica per l’accaduto. «Si tratta di un fatto privato».

Uno sgarbo verso i consiglieri che hanno firmato l’interpellanza e che si sono guardati allibiti, svuotati, senza più la forza di reagire.