...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

L'invitato di pietra - 5 febbraio 2015

Giovanni Sopranzi, Pregassona (La Regione del 5 febbraio 2015)

Nel loro piccolo anche i Verdi si abbinano. Perché? Da ragazzi avremmo risposto: “Perché la gamba l’è tacada al pè, e ‘l pè l’è tacaa ala gamba e tücc i àsan i dumanda.” Da grandi, non capiamo i machiavellismi della politica. Ad esempio perché Sergio Savoia vuole convincere I Verdi a reggere la coda a uno della Lega, invitandolo alla loro assemblea del 9 febbraio. Zalys sì, e Gobbys no? parakalò! Insomma si sta preparando un’alleanza tattica, un’insalata greca – con tutto il rispetto che va ad Alexis Tsipras che, almeno per qualche mese, riuscirà a non farsi disarcionare...

In questo periodo cruciale, quando, per ottenere il secondo seggio in Consiglio di Stato, Plr e Lega si battono come due galli in un pollaio, si illude Sergio Savoia di insinuarvisi senza venir speronato? Io temo che sia come una di quelle avanguardie che si lanciano all’attacco (avanti Savoia!) e, quando si girano, si avvedono che il grosso del loro manipolo non le sta seguendo.

Prima del 19 aprile, spero si renderà conto che la sua politica è velleitaria: gode infatti e godrà solo del favore di una minima parte degli elettori della Lega e I Verdi sono e saranno tutt’altro che unanimi, a partire da Greta Gysin. Un mio sondaggio personale dà la lista di Sergio Savoia al 7%. E ancora...