...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Wald, Speicher, Trogen, Rehetobel - 11 dicembre 2014

Aldo Lafranchi (La Regione dell' 11 dicembre 2014)

M’avessero, fino a qualche giorno fa, elencato quei quattro nomi chiedendomi “di chi si sta parlando?” avrei fatto scena muta. Senso della domanda e relativa risposta stavano in un giornale del lunedì che in Ticino arriva di martedì. Più dell’ignoranza in geografia, mi sono vergognato del preconcetto che, in me, da tempo considerava gli appenzellesi confederati orientati, tutto sommato, al passato, restii a modificare visioni e giudizi. E questo perché, spesso, la sera delle domeniche di votazioni federali loro vincono e io perdo. Sotto il titolo “Diritti civici agli stranieri” si leggeva che il 30 novembre Rehetobel ha accordato, con 440 voti contro 307, il diritto di voto e di eleggibilità agli stranieri, che nell’Appenzello Esterno la cosa è possibile dal 1995, che prima di Rehetobel tre Comuni, Wald, Speicher e Trogen, hanno concesso quel diritto agli stranieri. Da noi il tasto più nessuno osa sfiorarlo, tanto è grama l’aria che tira. La notizia dall’Appenzello canta la vittoria della fratellanza, virtù regina che salva il mondo risolvendo tutti, ma proprio tutti i problemi, dal più piccolo al più grande, se appena si sia disposti, come si augurava Dostoevskij, a credere quanto la sua straordinaria bellezza faccia star bene.

Aldo Lafranchi, Locarno