...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Bambini ecuadoregni: diritti, buon senso e Bibbia

di Valerio Lazzeri, vescovo di Lugano (La Regione del 22 ottobre 2014)

Due bambine ecuadoregne in un camper da tre mesi con le loro famiglie. Un Comune e una scuola che, riconoscendo la delicatezza della situazione, decidono di far prevalere su tutte le considerazioni il senso dell’accoglienza e dell’umanità. Il vescovo di Lugano che si sottrae alle domande e ritiene che la questione sia solo politica. Un vescovo emerito che invece interviene. Due stili contrapposti di presenza alla vita della gente? Le cose non stanno proprio così. Condivido pienamente le parole usate da don Mino ieri per commentare il gesto dell’autorità locale del Gambarogno, un gesto di buon senso e di sensibilità verso i diritti elementari dell’infanzia. Semplicemente ero in aeroporto, senza la possibilità di parlare direttamente con il giornalista e di verificare personalmente gli elementi essenziali della vicenda. Sono cose che capitano.

Vorrei però soltanto precisare che la mia attenzione a lasciare a ciascuno le sue specifiche competenze non vuol certo dire, da parte mia, mancanza d’interesse per ogni situazione dove è in gioco ciò che rende umano l’uomo e ciò che deve essere preservato anche a costo di non essere protetti da una regola. È una questione di cuore! Nella Bibbia, esso non è solo la sede del sentimento e dell’emozione immediata, ma del pensiero e della decisione ponderata, che a volte, ahimè, fa fatica ad affiorare nella fretta del dover dare subito una notizia o una presa di posizione.