...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Non ci sono più limiti - 3 agosto 2014

Non ci sono più limiti: pesantissimi insulti a Bertoli

Ticino libero del 3 agosto 2014

“Miserabile”, “incompetente”, “pro pedofili”, questi alcuni commenti. Ormai non ci sono più limiti.


BELLINZONA – È stata creata ieri sera, e nel frattempo è sparita, probabilmente grazie ad una segnalazione di qualcuno: “un deficiente in Consiglio di Stato”, questo il nome della pagina Facebook piena zeppa di insulti indicibili nei confronti del presidente del governo Manuele Bertoli, dall’invito a suicidarsi ad epiteti come “miserabile”, “incompetente”, “pro pedofili” e via discorrendo.

La pagina è stata creata dopo il discorso del Primo agosto di Bertoli (leggi qui), nel quale il consigliere di Stato auspicava un ritorno alle urne per decidere sul futuro delle relazioni con l’Unione europea.

Il discorso di Bertoli aveva sollevato polemiche fra alcuni politici ticinesi, come Lorenzo Quadri, Sergio Savoia e Orlando Del Don. «Nessuno ha fischiato?», si è chiesto il consigliere nazionale leghista Quadri. «Devo credere che si tratti non di crassa ignoranza ma di arrogante mala fede», ha invece tuonato Savoia.

Proprio oggi la presidente della commissione federale contro il razzismo, Martine Brunschwig Graf, alla stampa domenicale ha dichiarato «oggi c’è un’assenza di tabù che non abbiamo mai riscontrato finora», appellandosi alle autorità federali preoccupata per l’aumento dei commenti razzisti sui social media.

Un fenomeno che si riscontra chiaramente anche in Ticino, dove sempre più spesso si leggono commenti pesantissimi e insulti.