...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Etologia politica - agosto 2014

Etologia politica (Confronti di agosto 2014)

Uno dei pochi, indiscussi meriti della Lega risulta essere l’elevato livello di conoscenza raggiunto dai Ticinesi in ambito zoologico ed etologico.

Gli animali del terrario non hanno più segreti grazie a un ventennio di cronache de «il Mattino» sulla RSI, i suoi dirigenti e i giornalisti che vi operano. Non da meno l’alveare e i fuchi in particolare, graziosi animaletti che hanno ispirato tutto quanto riguarda le valutazioni politiche dell’operato di funzionari pubblici e parapubblici. Pure gli animali da cortile (meglio sarebbe dire «aia», ma il termine è ormai caduto in disuso per la sgradevole assonanza con istituzioni troppo eurocompatibili) hanno avuto la rilevanza che meritano, capitanati dalla «oca Doris» (alias consigliera federale Doris Leuthard), il cui QI era stato accuratamente studiato dal defunto Conducator etologo, che aveva poi concluso in modo inappellabile: «inferiore a quello di un facocero». E che dire di ratti, parassiti, sanguisughe e altri animaletti infestanti? E che aggiungere sulle «sette capre» di Berna? La politica di via Monte Boglia vi ha ampiamente tratto ispirazione per postulati e ripetute azioni disinfestanti.

Ma ecco che sul più bello, proprio mentre queste competenze linguistico- etologiche sarebbero potute divenire materia di specializzazione con un Master all’USI, dalla Lega dei Ticinesi arriva lo Stop: guai a dire che Lorenzo Quadri e Massimiliano Robbiani «sono due animali»! Un simile ardito accostamento al regno animale lede il loro onore e abbassa il livello del dibattito politico.

E se provassimo effettivamente a cambiare registro? Suggestioni e spunti su nuove similitudini politically correct sono ben-Venuti…