...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Spunta un sito che sbugiarda...Mattinonline - 12 marzo 2014

Ticino libero del 12 marzo 2014

Tre musulmani luganesi aprono un blog “anti-bufala”. Nelle loro mira tutti gli articoli di Via Monte Boglia «diffamatori nei confronti dell’Islam»

LUGANO – È ormai da qualche settimana che ha cominciato a macinare articoli. Si tratta di un blog (bufaledelmattino.wordpress.com) che si occupa esclusivamente di sbugiardare le notizie del Mattino della Domenica e del Mattinonline, in particolare per tutto quel che riguarda notizie relative all’Islam.

In articoli a volte anche molto dettagliati si analizzano le “bufale” dei media di Via Monte Boglia, spiegando perché in realtà le informazioni sarebbero errate. Ad occuparsi del blog sono al momento tre persone. «Siamo tutti musulmani, svizzeri e luganesi, ma siamo aperti a chiunque voglia contribuire, pur mantenendo l’anonimato», ci dice uno dei tre blogger da noi avvicinato. «L’anonimato serve a costringere i nostri detrattori di concentrarsi sui nostri articoli invece che sulle nostre persone», ci spiega subito il blogger. «Conosciamo bene lo stile degli articoli del Mattino della Domenica e del Mattinonline, che si concentrano nel denigrare il personaggio invece di confrontarsi sui temi. Nei nostri articoli abbiamo nominato solo una volta i direttori responsabili del Mattino della domenica e del Mattinonline, proprio per mantenere le distanze e non cadere nella denigrazione o peggio ancora nella diffamazione: a noi interessano solo gli articoli e non gli autori».

Il blogger ci racconta poi le ragioni che hanno portato alla creazione del sito “Le Bufale del Mattino leghista sull’Islam”. «Ormai sono anni che leggiamo di notizie anti islamiche sul Mattino, e anno dopo anno diventano sempre più ridicole e diffamatorie nei confronti dei musulmani». L’idea era già da tempo che bazzicava nella mente, ma la scintilla è arrivata lo scorso 5 gennaio, quando il Mattinonline ha pubblicato un articolo in cui si sosteneva che dei fanatici islamisti in Siria avrebbero decapitato dei bambini cristiani e poi mostrarli alle telecamere come trofeo di guerra. «È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, siccome hanno dirottato l’empatia verso la sofferenza del popolo siriano (e in maggioranza musulmano) in odio verso di loro. Hanno trasformato un uomo disperato che mostra il corpo decapitato di una bambina vittima di un bombardamento, in un mostro assassino musulmano che taglia le teste ai bambini solo perché cristiani», ci dice il blogger. «Hanno trasformato la vittima in carnefice».

L’episodio «mi ha ricordato le parole di Malcolm X, quando affermava che “se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono”. Purtroppo non siamo stati attenti e abbiamo lasciato certi media come il Mattino (e soprattutto la sua versione online del Mattinonline) scrivere e dire quello che volevano sull’Islam e i musulmani, totalmente impuniti, senza nessuna contro informazione. Adesso cercheremo di rimediare ai nostri errori, se Dio vuole, sperando che non sia già troppo tardi».

Un articolo tira l’altro

«Dopo quel primo articolo, mi sono concentrato su tutte le loro notizie del gennaio 2014, scoprendo che erano tutte, se non “bufale” vere e proprie, almeno molto faziose e disinformative», continua il nostro interlocutore. «Da allora io e i miei nuovi collaboratori li teniamo d’occhio sulle loro nuove notizie e ogni tanto vado personalmente a cercare notizie vecchie che posso trovare sulla loro pagina online. Ho già dimostrato che molte notizie vecchie sono dei falsi, mentre ne ho molte altre ancora in lavorazione: purtroppo per una notizia falsa (parzialmente o interamente) ci vuole poco tempo per scriverla, mentre ci vuole tanto lavoro e ricerca per dimostrare che non ha nessuna base e veridicità».

Ed in effetti gli articoli del blog sono molto dettagliati, frutto di un lavoro certosino di accertamento di quanto riportato dai media di Via Monte Boglia. Dal presunto discorso di Putin contro le leggi islamiche alla fatwa contro Giorgio Ghiringhelli, dalle autostrade solo per musulmani in Arabia Saudita alle recite natalizie vietate a Torino, ogni notizia vecchia e nuova viene “spacchettata” e “sbugiardata”.

Anche il Giornale del Popolo

Il blog è molto specifico, si occupa unicamente delle “bufale” sull’Islam. «Anche se abbiamo le capacità tecniche per dimostrare molte altre notizie false raccontate dai media xenofobi come il Mattino leghista, noi ci focalizziamo sull’Islam, perché questo è il nostro campo di specializzazione», ci dice ancora il nostro interlocutore. «Siamo musulmani e fino ad ora in Ticino mancava una qualsiasi forma di contro informazione sulle notizie islamofobe riportate da alcuni media».

Alcuni media, perché non sono solo il Mattino e il Mattinonline nelle mire dei tre blogger luganesi. «Il nostro lavoro non finirà certo con il Mattino della Domenica» – conclude il nostro interlocutore – «visto che ci sono anche altri giornali che sopravvivono sulle spalle della paura anti islamica, mi riferisco soprattutto al Giornale del Popolo».