...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Lurati e il PS dopo i fatti di Monteceneri - 16 dicembre 2013

"Solidarietà al municipale Bassi e basta barbarie politica"

"Quando si tratta da imbecille o da incompetente chi cerca solo di agire onestamente e senza interessi personali, allora si è superato il limite"

LUGANO - Il Partito socialista esprime la propria solidarietà a Giacomo Bassi, municipale di Monteceneri, che ha dimissionato "a seguito dei fatti incresciosie sgradevoli delle ultime settimane, come gli atti di vandalismo sulle auto e le espressioni volgari e incivili durante la serata di informazione sulla variante di Piano regolatore".

Al municipale Bassi, si legge in una nota firmata dal presidente Saverio Lurati, "vanno la nostra solidarietà ma anche inostri ringraziamenti per il suo impegno a favore del bene comune in 40 anni di attività politica. Dispiace dover assistere all'imbarbarimento del confronto politico, che dovrebbe essere sempre improntato al rispetto delle persone, pur nella distanza delle idee".

Questi episodi non si dovrebbero verificare, scrive Lurati e, soprattutto, dovrebbero trovare una reazione più ferma negli Esecutivi e in particolare nei partiti che hanno la maggioranza.

"Purtroppo l'asticella della tolleranza è stata abbassata anche troppo. Il risultato è lì da vedere. Ed è un risultato che non ci piace affatto. Il caso di Monteceneri è il più recente e il più clamoroso, ma non l'unico. Troppo spesso, in molti Comuni, il dibattito è scaduto al livello dell'aggressione personale e perfino delle minacce. Quando si tratta da imbecille o da incompetente chi cerca solo di agire onestamente e senza interessi personali, allora si è superato il limite. Il rischio è che tante, troppe persone si disaffezionino alla politica, abbandonandola o semplicemente evitandola. "Chi me lo fa fare?" diventa allora una domanda legittima. Che però impoverisce la collettività. Per queste ragioni invitiamo tutti ad abbassare i toni, in tutte le sedi, e a tornare al rispetto nel confronto politico".