...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Rassegna stampa

Il partitume e la Lega - 2 dicembre 2013

Raoul Bettosini, Lugano (La Regione Ticino del 2 dicembre 2013)

Domanda: Il buongoverno è solo Lega? Secondo loro tutto il resto del partitume storico Plr–Ppd–Ps si sta sfasciando, inventando storielle, raccontando frottole, sono disonesti, corrotti, immorali, approfittatori senza competenze ed infine attaccati alla cadrega. Il solo obiettivo del partitume è essere antileghista quindi dare sempre la colpa all’incolpevole Lega.

Partitume è, nel loro immaginario, pattume, fogna. Grazie per la considerazione che hanno della stragrande maggioranza dei ticinesi operosi e onesti cittadini che comunque si identificano nel partitume e ne difendono i valori. Dovrebbe vergognarsi chi usa certe definizioni e rappresenta il Ticino nelle più alte cariche istituzionali.

Perché si preoccupano così tanto se tutto il partitume è sull’orlo del fallimento che loro da tempo immaginano, sperano e sognano. Piuttosto ammettano che anche nel loro movimento iniziano a manifestarsi segni di difficoltà e che le crepe si allargano tra falchi e colombe. I colonnelli, non sprovveduti, lo avvertono.

I falchi salgono sulle barricate, urlano, mentre le colombe, impegnate politicamente, devono con difficoltà cercare di riparare e rimediare agli strappi, facendosi portatori della faccia più urbana della Lega. Lo scenario politico futuro vivrà su alleanze alle quali pure loro non potranno sottrarsi, pena fregarsene dell’interesse comune dei cittadini. Alleanze con chi? Se settimanalmente si infangano gli altri e si auspica con insistenza che finiscano defunti.

Solo la Lega dovrebbe potersi permettere le pesanti, talvolta insensate critiche al limite della legalità all’indirizzo del partitume e delle singole persone. Solo la lega ha perle di saggezza! Tutti gli altri sono avventati o incompetenti.

Pretendono si tenga la bocca chiusa. Si ha l’impressione che una parte di loro, dopati di protagonismo, soffrono le sconfitte come fatti personali inaccettabili convinti della loro infallibilità. È la persecuzione del partitume duro a morire e che mai morirà se ne facciano una ragione.

I problemi quotidiani sono altri, quindi tutti insieme diamoci una mossa altrimenti alle prossime votazioni voteranno solo i politici.