...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Giovanni Cansani - Ricordo di Silvano Montanaro - 2 agosto 2013

1. CITAZIONE      Foscolo  “Sol chi non lascia…”          

2. AMICIZIA          “Un amico è qualcuno che ti vuole bene, che ti fa compagnia, che ti aiuta in caso di bisogno, è qualcuno da amare e che ti ama””Non importa se è grande o piccolo, bianco come l’orso, nero come il corvo o a strisce come la zebra.”

3. PROMESSA

Rimata 50 anni  elenco  attività    24 gennaio 93

Gh’è l’Atgabes, ul consorzio, ul Runchett, i handicapaa, ul grüpett multisclerosi, ul curs pratich, ul partii.

Fà cartei par quesctu e quell, trascpurtà ’n quai sctrafüsari, giüsctà denta ’n quai ubrell, fà banchet, vend calendari.

Ul cunsili cumünal,u la sagra, la cusctina,fà  cartei pal carneval,scbarazzà na quai cantina.

Tiragh sü ’n puu da danée par qui pori da Kelamba,e cercà da fa püssèe perché i poda resctà in gamba.

 

 

 

Pö, quan vegn u la sctagion: vigna, ort    e da sicür, tacarà la produzion di famosi confitür.

E d’esctàa? Scpèta che ’ndem giö dai to a Kelambakàm a vedè se tütt va ben…Che poch rob che fet Giuann!

“Va che i cerca un president pal consorzio Pro Natüra!” “Al fu mi, sum ben cuntent. al farù fin quan che ’l düra!

 “Ti Giuann gh’em un prublema par la sagra dal purcell! ”“Scta tranquill, dat gnanca pena, ta prepari un bel cartel!”

 

“Siam le figlie di Maria c’è la festa del Carmelo! ” “Stian pur qui non vadan via che ci faccio un bel cartélo. ”

“Pronto? Sì! Se gh’é! Sum mi.” “Sum in pann e senza mezzi?”“Un minüt che vegni lì, tiri sü ’l me carro atrezzi.”

Ma duman a ma riposi!” A gh’è: Padre Mantovani, ul consorzio bisognosi, pö gh’è i fiöö di tibetani,

ul banchet da la sclerosi, portà a scpass i handicapaa, fà ’l cartell par i düü scposi. “Ah, duman a tiri l fiàa!

 

Rimata  60 anni       Pensionamento      gennaio 2003

Ma dabon ul tempo al vola! Propi inscì caro Giuann; münicipi, India e scöla è passaat  altri 10 ann.

India,  scöla, Municipi, biglietin e cartelon, i fa part di to principi i è cumé ‘na gran passion.

Ma Giuann! T’al disi in rima! Dess l’è l’ura  da fermàss.

 

 

La salüt  a la vegn prima ! Ciapa ‘l temp par ripusass.

Bascta: Atgabbes e  consorzio e Runchett, e handicappa. e grüpett multisclerosi, e curs pratich, e drugaa

E cunsili cumunal, e la sagra  e la cusctina, e i cartei pal carneval…! A sem pü cumpagn da prima !

 

E se vegn quel gran prublema, da   la sagra dal purcell !" Scta tranquil, dat gnanca pena. La sa  fa  senza cartell !

E alle figlie di  Maria per la festa del  Carmelo ? “ Non lo faccio più  il cartelo ! Si rivolgano su in cielo.”

 

Rimata Esodo                                                        4 novembre 2008

Ga n’hu piena la zicoria,da scriv rim par la memoria.  Ma ogni tant  gh’è di ucasion,che scatena l’invenzion.

E sctasira a fal aposcta,ga n’è vüna bela toscta.Ul Giuann al tira ‘l fiàa!E se ‘l tira ‘asal tirà!

 

Sempar prunt a dat na man !Cun un cör che in tanti ann, nonosctant na quai magagna, l’ha pumpaat in pompa magna!

Un cör grand e generus che ‘l ta fa vess urguglius, d’avegh (anca un pu nascosct)in quel cör un zicch da posct,

 

Caro amis, amis dabon: hu fai sü ‘na  riflession… Ul Signuur, cui galantom, a l’è sempar isctai  bon !

E se vett inanz inscì Ta g’avret i cavii gris e sicür,  tal disi mi ! Anca un  posct  sü in Paradis.

Silvano

 

Giovanni  un grande  scrittore: 27  settembre    1981  Madras  India

….

Faccio il mio turno col trattore  sul mezzogiorno (fa più caldo,  46 gradi, ma son solo 4 ore) per cui posso: fare i miei controlli e i miei conti il mattino presto. Il pomeriggio discuto con i vari responsabili, visito la salina, la fattoria , stalla, frutteti e tutto il resto e, come Sua Santità, do udienze.

Mi vien spesso da ridere (anche se ci sarebbe da piangere) ma se tu vedessi gli specimen umani che sfilano davanti...e tutti sono catastroficamente lunghi e magri (come il Cile) e dannatemente sconnessi (come l'Albania).

Ed è a questo punto punto che, facendo finta, di discutere, di obiettare, di incitare a fare di più e meglio, scucio qualche baiocco, sfilandolo dalla generosa bisaccia che mi avete dato.

Al ritorno giocherò sistematicamente al Lotto:  con un colpo grosso azzeccato, una volta vorrei davvero togliermi lo sfizio di vederli tutti sorridenti e contenti

E una volta tanto tutti assieme.

Ciao Carissimi, grazie mille