...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Appelli e Lettere

Lettera aperta al presidente del Consiglio Nazionale - 17 agosto 2012

                                         

                                                                Ligornetto, 17 agosto 2012

 Gentili Signore,

Egregi Signori,

Ci permettiamo attirare la Vostra attenzione sulla recente presa di posizione del Signor Lorenzo Quadri, poiché trattasi di un membro del Consiglio Nazionale ed é quindi sottoposto alla Vostra alta vigilanza.

Nel giugno 2012, sul proprio sito Facebook, il Consigliere Nazionale Signor Lorenzo Quadri ha espresso la propria adesione ad un servizio con scritte ed immagini in cui gli appartenenti alla religione musulmana vengono equiparati a terroristi (annesso 1). Viene veicolato il messaggio "ogni musulmano é un terrorista".

Infatti, nel servizio, viene riprodotta la copertina della rivista cattolica italiana di grande diffusione, conosciuta da decenni, che porta il titolo "Famiglia Cristiana". Questo titolo era stato modificato in "Famiglia Musulmana". Sulla copertina appariva la fotografia di un uomo che abbraccia un bambino, che viene accompagnata dalla didascalia "Cosa fare se tuo figlio non vuole fare il kamikaze?".

In una rubrica intitolata "bricolage", figura il testo intitolato "Costruisci la tua autobomba".

Seguono messaggi analoghi nelle rubriche intitolate "Consigli per la famiglia del Mullah Omar" nonché "Moda-mare, un burqa per la tua estate".

Questi messaggi ed immagini, alle quali, tramite il proprio sito Facebook, il Consigliere Nazionale Signor Lorenzo Quadri ha manifestato la sua adesione, sono incompatibili:

a)   con il giuramento di fedeltà alla Costituzione federale svizzera, specialmente con le libertà fondamentali di culto e di religione e con l'invocazione, contenuta nel suo Preambolo, a favore dello "spirito di solidarietà e di apertura al mondo";

b)   con le iniziative di politica estera delle Autorità della Confederazione, che sono improntate al dialogo e alla politica dei buoni uffici;

c)    alle iniziative delle Autorità della Confederazione in campo demografico, che sono improntate all'integrazione e al rispetto delle diverse religioni, culture ed etnie;

d)   al divieto di messaggi improntati sulla discriminazione razziale, che è punibile in base all'art. 261bis del Codice penale svizzero;

e)   con la dignità del Consiglio Nazionale svizzero, dove il Signor Lorenzo Quadri é deputato come membro della Frazione dell'Unione Democratica di Centro (UDC) / Lega dei Ticinesi.

Questa segnalazione da parte delle cittadine e cittadini sottoscritti avviene allo scopo di mettere l'Ufficio presidenziale del Consiglio Nazionale in grado di adottare tutte le misure più adeguate.

Allo stesso scopo questa segnalazione viene inviata contemporaneamente anche al Presidente della Frazione parlamentare dell'Unione Democratica di Centro (UDC) / Lega dei Ticinesi, alla quale appartiene il Consigliere Nazionale Lorenzo Quadri.

Associazione Belticino: Giancarlo Nava

Seguono i nomi di coloro che hanno sottoscritto questa lettera:

 

Alberto Agustoni

Giorgio Noseda

Arnaldo Alberti

Fernando Pedrolini

Benedetto Antonini

Fiorenzo Perucchi

Paolo Bernasconi

Olivier Peter

Adriano Cavadini

Matteo Quadranti

Franco Cavalli

Nicola Rezzonico

Adriano Censi

Beppe Savary-Borioli

Giosanna Crivelli

Cornelio Sommaruga

Carlo Malaguerra

Paola e Philippe Tron-Lozai

Giorgio Marcionni

Franca Verda

Dick Marty

Giordano Zeli

Isabella Medici Arrigoni

 

 

 

Annessi:

1.    la stampa del servizio intitolato "Famiglia Musulmana"

2.    la lettera di protesta diffusa sul sito Ticinonline il 26 giugno 2012