...è ora di svegliarsi

Cerca nel sito

Iscrizione Newsletter

Seguici su Facebook !

Appelli e Lettere

Lettera alle federazioni femminili

Isabella Medici Arrigoni
Via al Castello
6866 MERIDE
 
FAFT - Federazione Associazioni femminili in Ticino
Via Foletti 23
6900 MASSAGNO

Meride, 30 ottobre 2011

Gentili Signore,

sono quanto meno allibita dal fatto che una Federazione delle associazioni femminili abbia sostenuto e addirittura promosso (vd. cartoncino “Crediamo nelle donne, votiamo le candidate al Consiglio Nazionale!”) due candidate appartenenti ad un partito che, attraverso i suoi organi di stampa, insulta e denigra regolarmente le donne quando non le riduce a mero oggetto sessuale.

Immagino che non vi siano passate inosservate le pagine del Mattino della Domenica in cui Doris Leuthard viene chiamata L’oca Doris, la sindachessa di Locarno Carla Speziali Pinokkia, e la già Presidentessa del Consiglio nazionale Chiara Simoneschi Cortesi Figa di gesso o Scimmioneschi Scortesi. Questi sono solo alcuni esempi di come la Lega dei ticinesi apostrofa donne di successo di altri partiti politici. Denigrate, ridicolizzate, umiliate ed insultate.

E ora sul nuovo 10Minuti pure rese carne da macello. In questo nuovo periodico, che esce tre volte alla settimana, sono pubblicati regolarmente - con il titolo “La ragazza del giorno” - ritratti di giovani donne, in slip e reggiseno. Ragazze di 18-20 anni, le nostre, le vostre figlie, alle quali viene chiesta l’età del primo bacio, della prima volta, com’è stato, ecc. L’argomento principale è il sesso, slegato da ogni relazione. Delle ragazze viene reso pubblico il nome, il domicilio e il luogo di frequentazione. Esposte, in vetrina …come le ragazze nelle vie di Amsterdam, oggetti sessuali alla mercé di tutti.

Perché le donne leghiste accettano tutto ciò?

E perché raccolgono consensi attraverso un giornale di partito – il Mattino della Domenica -  che promuove da anni la prostituzione e quindi la sistematica umiliazione e violenza di centinaia di donne?

E infine perché una Federazione di associazioni femminili si rende complice di questa situazione?

Grata sin d’ora per una risposta, saluto distintamente,

 Isabella Medici A.